Passa ai contenuti principali

Le canzoni di Augusto Forin

 La musica smuove sentimenti che a volte teniamo quasi nascosti nella nostra anima. Fa tornare a galla emozioni dimenticate, sensazioni sconosciute, lacrime e sorrisi....
Le canzoni di Augusto Forin, fondatore, insieme alla compagna Patrizia Biaghetti del movimento culturale "Agitatori Culturali Irrequieti Gian dei Brughi", hanno un calore speciale.
Perchè dietro alla poesia dei testi, alla bellezza della musica, c'è  non solo un musicista, un poeta, ma un uomo speciale.
Dovrei dire " c'era", perchè Augusto se ne è andato troppo presto, a 66 anni, alla fine dell'anno scorso.
Ma quando nella cassetta della posta ho trovato il CD "Aspirina Metafisica" , un regalo inaspettato, ascoltandolo ho sentito il calore non solo della buona musica, ma di una persona perbene, che guardava alla vita con amore e con la profondità di chi ama gli altri raccontando la vita di ogni giorno.
"Amanti distratti" e poi "Scusa"...."Come le bugie che vanno a raccontare sui miei amori..." con quanta delicatezza Forin esprime la piaga del pettegolezzo.
Con poche parole descrive la tragedia della guerra "....un mondo senza colore...." in " L'oriente del nord".
E la musica continua e le parole continuano a cadenzare i miei passi dentro casa, i movimenti del corpo acquistano un valore in più perchè le cose belle rendono tutto più facile.
E continuo quasi a danzare: "Una questione di educazione", e già il titolo la dice lunga, "Vagon Lit", "Sbagliare d'autobus" ..... " A volte capita...." canta Augusto ".....e tu aspetta il prossimo al capolinea"...
La semplicità degli sbagli.
Le note continuano ad accompagnarmi ed il calore ad entrare sempre più in profondità.
"Scarpe rotte", "Aspettando su una pensilina un autobus"...e il pensiero di chi aspetta l'autobus dalle cose normali ...." Come è possibile che questa camicia sia diventata stretta?"al dolore in amore " Come è possibile che tu mi abbia lasciato?".
La semplicità dello scorrere della vita.
" Il tempo perso", "Quello che manca"....." Come va?  Regalami un istante e poi pensami...dai pensami..."
 La mancanza diventa un soffio.
La bella copertina del CD, fotografata da Patrizia Biaghetti, con gli oggetti che accompagnano la nostra  quotidianità  sparpagliati, sottolineano la bellezza dei testi e musica.
Si diventa poeti quando si capisce l'essenza delle cose, il loro cuore, e con il cuore si parla, quando si dimostra che la vita potrebbe essere più semplice, più facile, ed invece gli uomini ce la mettono tutta per renderla più complicata, più difficile, meno bella.
E questo Augusto Forin lo fa perchè non è solo un ottimo musicista e autore di testi, ma perchè  "è" una persona perbene.






Commenti

Post popolari in questo blog

Alla riscoperta del grande cinema a Fregene : la casa di Federico Fellini

  Percorriamo in bicicletta, Monica ed io, i vialetti di Fregene, alla ricerca della casa di Federico Fellini e Giulietta Masina, in Via Portovenere. Eccola! C'è un pò di emozione in noi, perchè tutto quello che riguarda il grande Maestro emoziona ed immaginare che, in un periodo della sua vita, abbia vissuto in questa casa, passeggiato nel giardino, pensato i suoi magici film, creato i suoi disegni ci fa muovere quasi con circospezione al di là del cancello, come se il Maestro fosse ancora lì e noi lo potessimo disturbare. Federico Fellini e Giulietta Masina misero su questa casa nel 1961, come racconta la stessa Masina a Costanzo Costantini. La grande coppia si innamorò di Fregene verso la fine degli anni cinquanta e decisero di comprarsi la casa dove trascorsero periodi sempre più lunghi. Diventata troppo piccola, perchè "affollata" dai moltissimi amici del mondo del cinema, nel 1966, comprarono un terreno dove costruirono una grande villa a due piani a Via Volosca 1

Matteo: un giovane "reporter"

Matteo Iacopini ha 15 anni, negli occhi la luce di un'intelligenza vivace, ma anche i barlumi di una fanciullezza appena lasciata : scuri e vivaci, scrutano l'intervistato, pronto ad ascoltare e, se è il caso, a ribattere. Sì perchè Matteo ha una passione, intervistare, raccontare: vuole essere un reporter. Ha cominciato per gioco a 13 anni,  andando con gli amici a Ponte Milvio, anzi a Ponte " Mollo" come lo chiama lui e i "vecchi" romani, quelli proprio "de Roma" e facendo le sue prime interviste. E adesso " per Matteo è diventato un lavoro" mi racconta il padre, l'Avvocato Luca Iacopini, da lui Matteo ha ereditato l'acutezza e la rapidità, ma sicuramente anche la mamma Valentina Temperini ha messo del suo in un figlio così "speciale". Studia, ma quel correre a cercare le curiosità, i pareri dei suoi coetanei  e dei passanti sui più diversi argomenti è diventata la parte centrale della sua vita, Matteo si considera un

Mariella Arnulfo: la cultura in banca

Rivedo la Dott.ssa Mariella Arnulfo in una tiepida mattinata romana a Porta S. Pancrazio. Roma sa regalare un cielo azzurro, un'aria ancora incerta fra la Primavera e qualche residuo di inverno,  rendendo l'incontro ancora più piacevole. La Dott.ssa Arnulfo è stata Direttrice della sede Rai2 di Unicredit e la sua particolarità, ogni volta che entrava qualcuno, era l'accoglienza. Il sorriso aperto, lo sguardo chiaro e diretto rendevano a ciascuno di noi, che usufruivamo della sua competenza, più piacevoli e avvicinabili  i "misteri" bancari.Sembra che in lei ci sia una perfetta fusione di un padre piemontese e una madre siciliana: rigore e solarità. Era, ed è, amica di tutti. Da due anni in pensione ha mantenuto la sua leggerezza che accompagna la profonda carica umana. L'altro per lei è qualcuno da scoprire, al quale attingere, creare un rapporto umano l'attrae più che essere, come è stata, una perfetta e brava Direttrice di banca. I numeri, con i quali ha